lunedì 17 marzo 2014

Un’estate in Grecia di Giuseppe Ciulla.


Un viaggio descritto con un linguaggio scorrevole, un’opera che racconta la ricerca della frontiera orientale dell’Europa. Frontiera lontana e contemporaneamente culla di uno "possibile" stato lontano.  Confini che si confondono, la dove lì differenze tra Oriente e Occidente si sovrappongono e dove la Storia dimostra che deve essere ricordata.

Incontri con donne e uomini che raccontano le loro storie. Pennellate di paesaggi. Passaggi dolorosi di fiumi dimenticati. Un libro indubbiamente da leggere e rileggere per comprendere quanto sia importante la Storia e le storie. Gente coraggiosa dimenticata da un’Europa troppo lontana e legata a valori troppo poco umani per essere veramente importanti per la vita.

Nessun commento: