domenica 30 marzo 2014

"Come si fa a non leggere Il Ladro di Note. L'hanno scritto due geni. Quei due potrebbero spiegarvi anche il concetto della relatività delle note, nel tempo e nello spazio. Credetemi. E se lo dico io!"


Nessun commento: