mercoledì 5 febbraio 2014

Prosa Liberatoria

Ci mettemmo a correre come dei disperati, ma l'onda era dietro di noi. Era la nostra fine. Solo il Comandante Hornblower avrebbe potuto salvarci. Solo lui il temerario, il Capitano che aveva sfidato i francesi, avrebbe potuto indicarci la via di fuga, ma intanto l'onda stava diventando sempre più alta. Londra sarebbe stata sommersa e distrutta per sempre. Vedemmo donne con i loro bambini abbarbicati al collo, fuggire disperate, con i capelli al vento, neri, biondi, rossi. Colori scomposti dalla ferocia del vento. Vedemmo i vagoni della sotterranea schizzare fuori dalle strade incatramate e precipitare in uno stridore di ferraglia e ruggine. Vedemmo la gente fuggire e rimanere inevitabilmente schiacciata da quelle masse enormi e contorte......Quella fu l'Ultima Onda, quella che distrusse il genere umano e finalmente la Terra ritornò libera!

Ora mi sento meglio. Piove, ma è una buona giornata.

Nessun commento: