mercoledì 18 settembre 2013

Tiziana e Carlo Angelo. Una favola al di là di Facebook.

Vi racconto una favola.
Quattro mesi fa, il mio amico Carlo Angelo - vi ho già parlato di lui, vi ricordate di quel musicista underground-uderground milanese, che era il bassista dei “Noi”, chiamato l’Uomo dal Basso d’Oro..…va bene, se non lo ricordate, non importa - lui è un patito di Facebook e quattro mesi fa ha ritrovato una sua collega, Tiziana Pedone. Infatti, alcuni anni fa, lavoravano entrambi in una grande agenzia di pubblicità. Pensate, era la prima agenzia in Italia e si chiamava McCann-Erickson. A quei tempi era un posto fantastico, popolato da gente eccezionale. Donne e uomini con una marcia in più, ma questa è un’altra favola, che un giorno, se avrò voglia, vi racconterò.
Un giorno Tiziana pubblica su Facebook, una sua foto con un largo e bel cappello rosso. Carlo Angelo, chissà perché - i musicisti underground-underground sono un po’ tutti pazzi - inizia a raccontare una storia e lei di rimando aggiunge delle righe e lui altre tre righe. A quel punto Tiziana gli scrive “…se vogliamo fare le cose serie, continuiamo con le e-mail”.
Detto fatto, i due si scambiano le mail e per tre mesi continuano a scrivere. Scrivono senza mai incontrarsi, come se non volessero interrompere qualche cosa di magico. Non utilizzano nemmeno il telefono, quindi niente SMS e niente conversazioni. Si confrontano solo scrivendo e-mail. Scrivono in concreto quasi tutti i giorni, seduti o appollaiati da qualche parte, così la storia è diventata un romanzo.
Ragazzi questi due hanno scritto un romanzo a quattro mani, utilizzando sola la scrittura come mezzo di comunicazione, ma non pensate che sia fantastico! Che coerenza, che fantasia. Sapete, vi confido un segreto, lei è una Fata e lui è un Mago, ma non ditelo in giro, la CIA potrebbe cercarli per impossessarsi dei loro segreti!
La cosa che mi ha fatto ridere di più è che il mio amico Carlo Angelo, mi ha confidato che non sapeva che Tiziana fosse una scrittrice. Già, lei ha pubblicato più di un’opera, le ho lette tutte e vi consiglio di farlo. Comunque conosco bene Carlo Angelo e non mi stupisco che non lo sapesse, è sempre con la testa tra le nuvole, anzi poiché è underground-underground, con la testa in cantina.
Ho cercato di leggere in anteprima questo romanzo, niente da fare, so solo che è un noir fantasy. Pazienza, aspetterò insieme con voi che qualche editore lo pubblichi.

Stavo per dimenticarmi una cosa importante, dopo aver scritto il finale, i due si sono incontrati. Sapete dove? Al parco Sempione, si sono seduti su una panchina e si sono raccontati di tutto. Questa è sicuramente la più bella favola che abbia raccontato su questo blog.

2 commenti:

Jeanluc ha detto...

Ciao sempre belli i tuoi articoli, ciao a rileggersi amico!

Jeanluc ha detto...

Ciao sempre belli i tuoi articoli, ciao a rileggersi amico!