martedì 7 maggio 2013

Lontananza irrimediabile


Ogni giorno che passa, mi accorgo che avevo un solo amico su cui potevo contare. Oggi avrei bisogno di andare da lui a nascondermi e a raccontargli. Lui mi ascolterebbe e poi mi direbbe "sei il solito pirla", con quel suo volto, tra lo scanzonato e il serio, quel tono di voce inconfondibile. Questi sono i momenti in cui la lontananza è irrimediabile ed eterna.






Nessun commento: