lunedì 16 luglio 2012

Democrazia "recitativa"

I politici [...] non costituiscono una casta, che è qualche cosa di immutabile, ma un oligarchia democratica senza legami con la società civile, che non si rinnova tramite la libera competizione, ma attraverso la cooptazione. Viviamo in una democrazia "recitativa" e non sostanziale dove si parla di libertà di stampa e di voto come in una recita o uno spettacolo, senza incidere sul potere oligarchico. Tratto da un'intervista al Professor Emilio Gentile apparsa su "Sette" del 13 luglio. Mi sembra che questa sia l'analisi più lucida che abbia mai letto sino ad ora. Ora possiamo pensarci su!

Nessun commento: