giovedì 19 gennaio 2012

Comandante Schettino, una nave da crociera non è un motoscafo Riva!


Anche Schettino come molti “comandanti” di “navi”, che colano a picco, pare avesse a bordo la sua “famme fatale”, che per ora è sparita nel buio, d’altra parte era a boro «in nero», che non significa vestita di scuro, ma che non era stata registrata!
Forse questa signora non centrava nulla con il comandante, "in ogni caso c'è di che pensare" e questa notizia scatena in me l’istinto del “duellante”.  Mi domando perché lo stile di molti uomini, troppi, di questo tragicomico paese è assolutamente assente. Una nave da crociera non è un motoscafo Riva!  In plancia non dovrebbe esserci nessuno, a parte il personale di bordo adibito alle funzioni di pilotaggio e comando.
Il comandante Schettino è l’ultima vergogna di questo paese, pieno di uomini culturalmente miseri, sguaiati, che “si ritrovano al bar” per parlare solo di calcio, raccontarsi barzellette idiote, dell’ultima bravata al volante e parlare di sesso (definito gentilmente così) e più oltre non sanno andare.
Se sapessi menar di spada e fosse ancora di moda il duello, sarei già morto perché avrei dovuto sfidare mezzo mondo. Comunque tutti quelli che ho descritto sopra, si sentano sfidati dal sottoscritto. Ci troviamo dietro il Convento delle Carmelitane Scalze, perché desidero passarvi tutti a fil di spada, signori dei miei corbelli!

1 commento:

Jeanluc ha detto...

Ciao, pungente ed interessante come solito, il problema è che in Italia mi sembra ci siano tanti Schettino travestiti da Falco....
Sinceramente credo che la crisi che stiamo affrontando, sia figlia della pochezza di molti, che si sentono grandi solo parlando di sesso e poco altro. Un Paese come l' Italia avrebbe molto da offrire, ma sembra chel' unica alternativa sia alzare le tasse, tanto ci sono le partite ed i programmi in tv....