martedì 22 febbraio 2011

Il governo italiano bela.

Mentre il mondo intero concentra la sua attenzione su quello che sta avvenendo in Medio Oriente e nel Nord Africa. Il nostro governo bela flebilmente e in ritardo. Anche i media si disperdono su biechi fatterelli che coinvolgono meretrici di lusso, papponi, maniaci sessuali e approfittatori di beni pubblici. Mentre le emittenti estere dedicano spazio ai drammatici eventi internazionali, pochi sono gli spazi dedicati a quello che sta succedendo a poche leghe da noi.  I nostri anchorman e opinion leader si perdono a discutere e analizzare cose già analizzate e ormai digerite. L’opposizione dov'è? Anche da quella parte si sollevano deboli belati che diventano, come sempre, rumori di sottofondo. L’Italia come gli altri paesi ex colonialisti, non solo ha interessi economici, finanziari con i paesi colpiti dagli eventi di questi giorni, ma ha anche grandi responsabilità per un passato storico che richiede analisi approfondite e che oggi riemerge irrisolto, coinvolgendo il futuro di tutti. Italia svegliati, Benigni non basta!  

Nessun commento: