martedì 18 gennaio 2011

SLURP, UN LIBRO DA LECCARSI I BAFFI




L’età tenerissima dell’autore, quattordicenne; la passione genuina e davvero  insolita in un giovane adolescente per il mangiar bene, unita a più di un pizzico di sorprendente competenza in materia di cucina; la freschezza e il disincanto degli anni in cui si comincia a scoprire il mondo e  s’impara a distinguere il buono dal cattivo, e  il benfatto dalla fregatura,  osservando i comportamenti adulti con uno sguardo meno ingenuo.

Si trova forse in questi ingredienti il segreto di SLURP!, Diario di un giovane gourmet: una ricetta perfetta che ha suscitato in me qualcosa che in una lettura non  provavo da tempo: un senso di entusiasmo e di buonumore.
Gradevolissimo e brillante romanzo di formazione del palato, quello di Tito Cima, promettente scrittore; o prezioso vademecum da consultare per la scelta di un ristorante o di una specialità della casa, Slurp assegna di volta in volta a 122 ristoranti un certo numero di “slurp” attestati con rigoroso giudizio, invece delle seriose stelle da critici di professione.
Perché la novità sta anche nella ventata di leggerezza che si respira in queste pagine di  precoce savoir vivre, e nella capacità dimostrata da Tito di saper cucinare con una buona dose di giovialità e sense of humour una materia solitamente affrontata dai grandi  tenendo il naso all’insù.  
E’ dunque un piacere iniziare la lettura immaginandosi seduti al suo stesso tavolo  in diverse parti del mondo, condividere con lui la fortuna di averne già vista una porzione abbondante e tornare a vivere il privilegio – di cui l’autore è consapevole e che  per noi sarebbe il massimo del gusto - di non avere ancora un’età che ti obbliga a tirar fuori il portafogli per pagare il conto del ristorante. 

Daniele Ravenna

Tito Cima -  SLURP!  Diario di un giovane gourmet -  GL.Editore,  Piacenza 2010
Pag. 200   Euro 13,00

Nota: con questo commento di Daniele Ravenna, che avevo a suo tempo promesso, il libro del giovane Tito entra di diritto tra i "Libri da non perdere". Il Blog Director

Nessun commento: