giovedì 5 agosto 2010

Il sottosegretario trasformato

Che felicità, che contentezza! Il sottosegretario uscì all’aperto e respirò un boccone d’aria, all’improvviso sentì qualche cosa di strano in gola, quel qualcosa scese giù per il gargarozzo e velocemente arrivò giù, giù, sino all’innominato. L’uomo si piegò su stesso e si trasformò in un caratteristico suono o forse è meglio dire rumore!


Nessun commento: