giovedì 28 maggio 2009

Zoe la fata

Angelo si bloccò di colpo, la slitta fece un balzo e per poco il Cavaliere non cadde a terra. Il cane lanciò un urlo di dolore che fece staccare una crosta di ghiaccio da un pendio, poi abbassò la testa e lacrime grandi uscirono dai suoi occhi. Il suo cuore aveva sentito che la sua amica Zoe aveva lasciato la terra e aveva iniziato il suo viaggio nel futuro. Zoe era una bellissima cagnolina e lui l’aveva tanto amata. Zoe era una fata e Angelo sapeva che ora avrebbe volato sopra di lui guidandolo verso la meta. Alzò la testa, si voltò a guardare il Cavaliere che nel silenzio aveva capito il dolore del suo amico. Si guardarono intensamente e tra i loro occhi Zoe spiccò un balzo di felicità e volo in alto oltre le stelle, oltre il cielo, nel futuro dove l’amore trionfa su tutto. Niniane guardò in alto e poi vide ripartire la slitta come un lampo, veloce come non l’aveva mai vista correre.

Nessun commento: