sabato 28 marzo 2009

Una foto del Marocco nel ghiaccio

Il Cavaliere della Slitta rimase a lungo a guardare la foto che aveva in mano. Quella sera il vento era più gelido del solito e la polvere di ghiaccio gli sferzava il volto. Impassibile guardava quel lontano ricordo, una foto di un bravo fotografo, un amico. Alzò lo sguardo e guardò oltre la distesa di ghiaccio, oltre la solitudine e s’immaginò i rumori, il vociare, gli odori e i sapori intorno ai due abitanti del Marocco, s’immaginò i loro pensieri. Ogni mossa per quanto pensata e studiata potrebbe essere sbagliata, l'ultima, nessuno è mai nel giusto. Una folata di vento lo costrinse ad abbassarsi il cappuccio sulla faccia e la foto volo via, gli odori riempirono l’aria e vide Lino mentre scattava quell’immagine lontana che fuggiva nel tempo. Angelo con uno scatto corse dietro la foto, la afferrò delicatamente e la riportò al suo amico. Il cavaliere la prese e la infilò nella tasca interna del suo mantello che svolazzò nell’aria.

Nessun commento: